China agrees to buy ‘significantly’ more from the U.S.

The United States and China said Saturday that two days of “constructive” talks between American and Chinese officials in Washington had led to an agreement for China to buy more goods and services — including “meaningful increases in United States agriculture and energy exports” — as the two countries work to defuse a brewing trade war.

But a joint statement released by the White House did not contain a specific target for reducing the $375 billion trade deficit between the two countries, suggesting the White House had not secured the $200 billion reduction that senior Trump administration officials had said was forthcoming.

The joint statement said the United States would dispatch a team to China to work out the details, which also may include expanded trade in manufactured goods and stronger “cooperation” in enforcement of intellectual property protections. The statement, which had been expected Friday evening after the talks ended, said that the goal is to “substantially reduce the United States trade deficit in goods with China.”

https://www.washingtonpost.com/news/business/wp/2018/05/19/china-agrees-to-buy-significantly-more-u-s-goods-and-services-in-bid-to-ease-trade-tensions-according-to-joint-statement/?noredirect=on&utm_term=.4fff22e946bc

Pubblicato in lawfare, trade, trade wars, WTO | Lascia un commento

Accordo sul nucleare IRAN JCPOA – La Commissione europea agisce per tutelare gli interessi delle imprese europee che investono in Iran nell’ambito dell’impegno costante dell’Unione a favore del piano d’azione congiunto globale – European Commission acts to protect the interests of EU companies investing in Iran as part of the EU’s continued commitment to the Joint Comprehensive Plan of Action

Regolamento (CE) n. 2271/96 del Consiglio del 22 novembre 1996 relativo alla protezione dagli effetti extraterritoriali derivanti dall’applicazione di una normativa adottata da un paese terzo, e dalle azioni su di essa basate o da essa derivanti

La Commissione europea agisce per tutelare gli interessi delle imprese europee che investono in Iran nell’ambito dell’impegno costante dell’Unione a favore del piano d’azione congiunto globale

Council Regulation (EC) No 2271/96 of 22 November 1996 protecting against the effects of the extra-territorial application of legislation adopted by a third country, and actions based thereon or resulting therefrom

European Commission acts to protect the interests of EU companies investing in Iran as part of the EU’s continued commitment to the Joint Comprehensive Plan of Action

Pubblicato in Iran, sanzioni | Lascia un commento

Appellate Body issues report on EU compliance in Airbus dispute

On 15 May the WTO’s Appellate Body issued its report in the case “European Communities and Certain Member States — Measures Affecting Trade in Large Civil Aircraft — Recourse to Article 21.5 of the DSU” (DS316)

6.44. The Appellate Body recommends that the DSB request the European Union to bring its measures found in this Report, and in the Panel Report as modified by this Report, to be inconsistent with the SCM Agreement into conformity with its obligations under that Agreement.

Findings and Conclusions

Pubblicato in lawfare, trade, trade wars, WTO | Lascia un commento

Fact Finding in Syria – Serious crimes

Syria Fact Finding Commissions – Serious Crimes

Pubblicato in Diritto UE | Lascia un commento

Counter-Terrorism Sanctions

Conference in Merano – 4 May 2018

Locandina

Flyer

Pubblicato in Diritto UE | Lascia un commento

EU and Mexico reach new agreement on trade

http://trade.ec.europa.eu/doclib/press/index.cfm?id=1830

Pubblicato in trade | Lascia un commento

Comunicato stampa della Corte costituzionale sul caso Taricco

INAPPLICABILE LA “REGOLA TARICCO” SULLA PRESCRIZIONE
I giudici non sono tenuti ad applicare la “regola Taricco” sul calcolo della prescrizione, stabilita dalla Corte di Giustizia Ue con la sentenza dell’8 settembre 2015 per i reati in materia di Iva. Pertanto, anche per questi reati, rimangono applicabili gli articoli 160, ultimo comma, e 161 del Codice penale.
La Corte costituzionale, riunita oggi in camera di consiglio, ha infatti dichiarato infondate le questioni di legittimità costituzionale dell’articolo 2 della legge di autorizzazione alla ratifica del Trattato di Lisbona (n. 130/2008), là dove dà esecuzione all’articolo 325 del Trattato sul funzionamento dell’Ue (TFUE) come interpretato dalla Corte di Giustizia con la “sentenza Taricco”.
Le questioni erano state sollevate dalla Cassazione e dalla Corte d’appello di Milano sul presupposto che la “regola Taricco” fosse senz’altro applicabile nei giudizi in corso, in contrasto con i principi supremi dell’ordinamento costituzionale, in particolare con il principio di legalità in materia penale (articolo 25 della Costituzione).
Secondo i giudici costituzionali, però, questo presupposto è caduto con la sentenza “Taricco bis” del 5 dicembre 2017, in base alla quale l’articolo 325 TFUE (come interpretato dalla Corte di Giustizia nel 2015) non è applicabile né ai fatti anteriori all’8 settembre 2015 (e dunque nei giudizi a quibus) né quando il giudice nazionale ravvisi un contrasto con il principio di legalità in materia penale.
Roma, 10 aprile 2018.

CC_CS_20180410195603

Pubblicato in controlimiti | Lascia un commento

Brexit: European Commission recommends draft negotiating directives for next phase of the Article 50 negotiations

Following the guidelines adopted by the European Council (Art 50) on 15 December, the European Commission has today sent a Recommendation to the Council (Art 50) to begin discussions on the next phase of the orderly withdrawal of the United Kingdom from the European Union.

IP-17-5342_EN

Pubblicato in Brexit | Lascia un commento

La Commissione attiva la procedura dell’art. 7 TUE nei confronti della Polonia – Rule of Law: European Commission acts to defend judicial independence in Poland

http://europa.eu/rapid/press-release_IP-17-5367_en.htm

Rule of Law: European Commission acts to defend judicial independence in Poland

Despite repeated efforts, for almost two years, to engage the Polish authorities in a constructive dialogue in the context of the Rule of Law Framework, the Commission has today concluded that there is a clear risk of a serious breach of the rule of law in Poland.

The Commission is therefore proposing to the Council to adopt a decision under Article 7(1) of the Treaty on European Union (see Annex II).

The European Commission is taking action to protect the rule of law in Europe. Judicial reforms in Poland mean that the country’s judiciary is now under the political control of the ruling majority. In the absence of judicial independence, serious questions are raised about the effective application of EU law, from the protection of investments to the mutual recognition of decisions in areas as diverse as child custody disputes or the execution of European Arrest Warrants.

The Commission has also today issued a complementary (4th) Rule of Law Recommendation, setting out clearly the steps that the Polish authorities can take to remedy the current situation. Should the Polish authorities implement the recommended actions, the Commission is ready, in close consultation with the European Parliament and the Council, to reconsider its Reasoned Proposal.

Furthermore, the Commission has decided to take the next step in itsinfringement procedure against Poland for breaches of EU law by the Law on the Ordinary Courts Organisation, referring Poland to the Court of Justice of the European Union.

Whilst taking these unprecedented measures, the Commission maintains its offer for a constructive dialogue to remedy the current situation.

IP-17-5367_EN

P033373000202-782006

Reasoned Proposal

Commission Recommendation

Pubblicato in sanzioni | Lascia un commento

The European Council (Art. 50) adopted guidelines for the second phase of the Brexit negotiations.

Guidelines for the second phase

Pubblicato in Brexit | Lascia un commento

La Corte costituzionale si pronuncia sulle violazioni dei diritti che hanno fondamento nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e nella Costituzione: obbligo di rinvio alla Corte costituzionale.

https://www.cortecostituzionale.it/actionSchedaPronuncia.do?anno=2017&numero=269

Corte Costituzionale 14 dicembre 2014 n. 269

Par. 5.2.– Una precisazione si impone alla luce delle trasformazioni che hanno riguardato il diritto dell’Unione europea e il sistema dei rapporti con gli ordinamenti nazionali dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona che modifica il Trattato sull’Unione europea e il Trattato che istituisce la Comunità europea e alcuni atti connessi, fatto a Lisbona il 13 dicembre 2007, ratificato ed eseguito dalla legge 2 agosto 2008, n. 130 (Ratifica ed esecuzione del Trattato di Lisbona che modifica il Trattato sull’Unione europea e il Trattato che istituisce la Comunità europea e alcuni atti connessi, con atto finale, protocolli e dichiarazioni, fatto a Lisbona il 13 dicembre 2007), che, tra l’altro, ha attribuito effetti giuridici vincolanti alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, proclamata a Nizza il 7 dicembre 2000 e adattata a Strasburgo il 12 dicembre 2007 (da ora: CDFUE), equiparandola ai Trattati (art. 6, paragrafo 1, del Trattato sull’Unione europea).
Fermi restando i principi del primato e dell’effetto diretto del diritto dell’Unione europea come sin qui consolidatisi nella giurisprudenza europea e costituzionale, occorre prendere atto che la citata Carta dei diritti costituisce parte del diritto dell’Unione dotata di caratteri peculiari in ragione del suo contenuto di impronta tipicamente costituzionale. I principi e i diritti enunciati nella Carta intersecano in larga misura i principi e i diritti garantiti dalla Costituzione italiana (e dalle altre Costituzioni nazionali degli Stati membri). Sicché può darsi il caso che la violazione di un diritto della persona infranga, ad un tempo, sia le garanzie presidiate dalla Costituzione italiana, sia quelle codificate dalla Carta dei diritti dell’Unione, come è accaduto da ultimo in riferimento al principio di legalità dei reati e delle pene (Corte di giustizia dell’Unione europea, grande sezione, sentenza 5 dicembre 2017, nella causa C-42/17, M.A.S, M.B.).
Pertanto, le violazioni dei diritti della persona postulano la necessità di un intervento erga omnes di questa Corte, anche in virtù del principio che situa il sindacato accentrato di costituzionalità delle leggi a fondamento dell’architettura costituzionale (art. 134 Cost.). La Corte giudicherà alla luce dei parametri interni ed eventualmente di quelli europei (ex artt. 11 e 117 Cost.), secondo l’ordine di volta in volta appropriato, anche al fine di assicurare che i diritti garantiti dalla citata Carta dei diritti siano interpretati in armonia con le tradizioni costituzionali, pure richiamate dall’art. 6 del Trattato sull’Unione europea e dall’art. 52, comma 4, della CDFUE come fonti rilevanti in tale ambito. In senso analogo, del resto, si sono orientate altre Corti costituzionali nazionali di antica tradizione (si veda ad esempio Corte costituzionale austriaca, sentenza 14 marzo 2012, U 466/11-18; U 1836/11-13).

Il tutto, peraltro, in un quadro di costruttiva e leale cooperazione fra i diversi sistemi di garanzia, nel quale le Corti costituzionali sono chiamate a valorizzare il dialogo con la Corte di giustizia (da ultimo, ordinanza n. 24 del 2017), affinché sia assicurata la massima salvaguardia dei diritti a livello sistemico (art. 53 della CDFUE).
D’altra parte, la sopravvenienza delle garanzie approntate dalla CDFUE a quelle previste dalla Costituzione italiana può generare un concorso di rimedi giurisdizionali. A tale proposito, di fronte a casi di “doppia pregiudizialità” – vale a dire di controversie che possono dare luogo a questioni di illegittimità costituzionale e, simultaneamente, a questioni di compatibilità con il diritto dell’Unione –, la stessa Corte di giustizia ha a sua volta affermato che il diritto dell’Unione «non osta» al carattere prioritario del giudizio di costituzionalità di competenza delle Corti costituzionali nazionali, purché i giudici ordinari restino liberi di sottoporre alla Corte di giustizia, «in qualunque fase del procedimento ritengano appropriata e finanche al termine del procedimento incidentale di controllo generale delle leggi, qualsiasi questione pregiudiziale a loro giudizio necessaria»; di «adottare qualsiasi misura necessaria per garantire la tutela giurisdizionale provvisoria dei diritti conferiti dall’ordinamento giuridico dell’Unione»; di disapplicare, al termine del giudizio incidentale di legittimità costituzionale, la disposizione legislativa nazionale in questione che abbia superato il vaglio di costituzionalità, ove, per altri profili, la ritengano contraria al diritto dell’Unione (tra le altre, Corte di Giustizia dell’Unione Europea, quinta sezione, sentenza 11 settembre 2014, nella causa C-112/13 A contro B e altri; Corte di Giustizia dell’Unione Europea, grande sezione, sentenza 22 giugno 2010, nelle cause C-188/10, Melki e C-189/10, Abdeli).
In linea con questi orientamenti, questa Corte ritiene che, laddove una legge sia oggetto di dubbi di illegittimità tanto in riferimento ai diritti protetti dalla Costituzione italiana, quanto in relazione a quelli garantiti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea in ambito di rilevanza comunitaria, debba essere sollevata la questione di legittimità costituzionale, fatto salvo il ricorso, al rinvio pregiudiziale per le questioni di interpretazione o di invalidità del diritto dell’Unione, ai sensi dell’art. 267 del TFUE.

Pubblicato in controlimiti | Lascia un commento