Archivi tag: Diritto processuale UE

Il rigetto di una domanda è possibile solo laddove appaia in modo manifesto che le questioni non hanno alcuna relazione con l’effettività o l’oggetto della controversia.

Sentenza della Corte del 25 aprile 2002, María Victoria González Sánchez contro Medicina Asturiana SA, causa C-183/00. “15 Il governo spagnolo osserva, in via principale, che la questione pregiudiziale è irricevibile in quanto l’ordinanza di rinvio non indica gli elementi … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il rigetto di una domanda è possibile solo laddove appaia in modo manifesto che le questioni non hanno alcuna relazione con l’effettività o l’oggetto della controversia.

L’avvocato generale Jacobs propone una nuova interpretazione del concetto di interesse individuale.

21 marzo 2002 Conclusioni dell’avvocato generale Jacobs del 21 marzo 2002, Causa C-50/00, Unión de Pequeños Agricultores contro Consiglio. “2. Ai sensi dell’art. 230 CE, quarto comma, «qualsiasi persona fisica o giuridica può proporre (…) un ricorso contro le decisioni … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su L’avvocato generale Jacobs propone una nuova interpretazione del concetto di interesse individuale.

Quando esercita il controllo a posteriori della regolarità dell’attività amministrativa, la Corte dei conti, ai fini del rinvio pregiudiziale, non è un organo giurisdizionale.

Ordinanza della Corte del 26 novembre 1999, Radiotelevisione italiana Spa (RAI), causa C-440/98. “La legittimazione di un organo a rinviare alla Corte, a norma dell’art. 177 del Trattato (divenuto art. 234 CE), è determinata secondo criteri tanto strutturali quanto funzionali. … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Quando esercita il controllo a posteriori della regolarità dell’attività amministrativa, la Corte dei conti, ai fini del rinvio pregiudiziale, non è un organo giurisdizionale.

Le regioni devono dimostrare un interesse diretto ed individuale.

Sentenza del Tribunale di primo grado (Prima Sezione ampliata) del 15 giugno 1999, Regione autonoma Friuli Venezia Giulia contro Commissione delle Comunità europee, causa T-288/97. “28 In via preliminare, va ricordato che, essendo dotata di personalità giuridica in virtù del … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Le regioni devono dimostrare un interesse diretto ed individuale.

Il diritto comunitario non impone ad un giudice nazionale di disapplicare le norme processuali che attribuiscono autorità di cosa giudicata ad una decisione.

SENTENZA DELLA CORTE 1° giugno 1999 C-126/97 Eco Swiss China Time Ltd e Benetton International NV Un giudice nazionale, chiamato a pronunciarsi su un’impugnazione per nullità di un lodo arbitrale, deve accoglierla se ritiene che il lodo sia effettivamente in … Continua a leggere

Pubblicato in EULaw | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il diritto comunitario non impone ad un giudice nazionale di disapplicare le norme processuali che attribuiscono autorità di cosa giudicata ad una decisione.

Violazione del diritto comunitario da parte di uno Stato membro: formulario per le denunce.

Violazione del diritto comunitario da parte di uno Stato membro: formulario per le denunce (in italiano) da presentare alla Commissione europea. (1999/C 119/03) in GUCE 30 aprile 1999 versione inglese http://ec.europa.eu/community_law/your_rights/your_rights_forms_it.htm Chiunque può presentare alla Commissione europea una denuncia contro … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Violazione del diritto comunitario da parte di uno Stato membro: formulario per le denunce.

A seguito della presentazione di una denuncia relativa alla violazione delle regole in materia di aiuti di stato, la Commissione ha l’obbligo di emettere una decisione di merito entro un termine ragionevole.

Sentenza del Tribunale di primo grado (Terza Sezione ampliata) del 15 settembre 1998, Gestevision Telecinco SA contro Commissione delle Comunità europee, causa T-95/96. “71 Per pronunciarsi nel merito della domanda di declaratoria di carenza, si deve accertare se, al momento … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su A seguito della presentazione di una denuncia relativa alla violazione delle regole in materia di aiuti di stato, la Commissione ha l’obbligo di emettere una decisione di merito entro un termine ragionevole.

È ricevibile il ricorso in carenza promosso nei confronti della Commissione dal soggetto che ha presentato una denuncia contro uno Stato membro per violazione delle regole relative agli aiuti di stato.

Sentenza del Tribunale di primo grado (Terza Sezione ampliata) del 15 settembre 1998, Gestevision Telecinco SA contro Commissione delle Comunità europee, causa T-95/96. “ Sulla ricevibilità 60 Nella fattispecie si deve stabilire in quale misura la ricorrente possa considerarsi direttamente … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su È ricevibile il ricorso in carenza promosso nei confronti della Commissione dal soggetto che ha presentato una denuncia contro uno Stato membro per violazione delle regole relative agli aiuti di stato.

La Corte si pronuncia sulle questioni sollevate dalla Corte d’appello nel caso Job Centre.

Sentenza della Corte dell’11 dicembre 1997, Job Centre coop. Arl, causa C-55/96. “7 Con sentenza 19 ottobre 1995 nella causa C-111/94, Job Centre (Racc. pag. I-3361), la Corte ha dichiarato la propria incompetenza a pronunciarsi sulle questioni sottopostele dal Tribunale … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La Corte si pronuncia sulle questioni sollevate dalla Corte d’appello nel caso Job Centre.

Quando emette un parere nell’ambito di un ricorso straordinario, il Consiglio di Stato costituisce una giurisdizione ai fini del rinvio pregiudiziale.

Sentenza della Corte del 16 ottobre 1997, Maria Antonella Garofalo (C-69/96), Giovanni Pagano (C-70/96), Rosa Bruna Vitale (C-71/96), Francesca Nuccio (C-72/96), Giacomo Cangialosi (C-73/96), Giacoma D’Amico (C-74/96), Giulia Lombardo (C-75/96), Emanuela Giovenco (C-76/96), Caterina Lo Gaglio (C-77/96), Daniela Guerrera (C-78/96) … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Quando emette un parere nell’ambito di un ricorso straordinario, il Consiglio di Stato costituisce una giurisdizione ai fini del rinvio pregiudiziale.

Gli elementi della nozione di giurisdizione ai fini del rinvio.

Sentenza della Corte del 17 settembre 1997. – Dorsch Consult Ingenieurgesellschaft mbH contro Bundesbaugesellschaft Berlin mbH, causa C-54/96. “23 Per valutare se l’organo remittente possegga le caratteristiche di un giudice ai sensi dell’art. 177 del Trattato, questione unicamente di diritto … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Gli elementi della nozione di giurisdizione ai fini del rinvio.

Le regioni non sono ricorrenti privilegiati.

Ordinanza della Corte del 21 marzo 1997, Région wallonne contro Commissione delle Comunità europee, causa C-95/97. “A decorrere dall’entrata in vigore della decisione 94/149, la competenza della Corte è limitata esclusivamente ai ricorsi promossi da uno Stato membro o da … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Le regioni non sono ricorrenti privilegiati.

A seguito di una denuncia relativa alla violazione delle regole sulla concorrenza., la Commissione ha l’obbligo di adottare, entro un termine ragionevole, una decisione definitiva.

Sentenza della Corte del 18 marzo 1997, Guérin automobiles contro Commissione delle Comunità europee, causa C-282/95 P. “9 Il 13 giugno 1994 la Commissione inviava alla ricorrente una comunicazione in cui faceva riferimento all’art. 6 del regolamento della Commissione 25 … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su A seguito di una denuncia relativa alla violazione delle regole sulla concorrenza., la Commissione ha l’obbligo di adottare, entro un termine ragionevole, una decisione definitiva.

Le persone fisiche e giuridiche possono proporre ricorso per carenza quando un’Istituzione ha omesso di adottare un qualsiasi atto che li riguarderebbe direttamente ed individualmente.

Sentenza della Corte del 26 novembre 1996, T. Port GmbH & Co. KG contro Bundesanstalt für Landwirtschaft und Ernährung, causa C-68/95. “59 Sebbene, infatti, l’art. 175, terzo comma, del Trattato conferisca alle persone fisiche e giuridiche la possibilità di proporre … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Le persone fisiche e giuridiche possono proporre ricorso per carenza quando un’Istituzione ha omesso di adottare un qualsiasi atto che li riguarderebbe direttamente ed individualmente.

La spettanza di diritti di partecipazione al procedimento di adozione dell’atto rende il soggetto individualmente interessato, a prescindere dall’effettivo esercizio di tali diritti.

11 luglio 1996 Sentenza del Tribunale di primo grado (Prima Sezione ampliata) dell’11 luglio 1996, Cause riunite T-528/93, T-542/93, T-543/93 e T-546/93, Metropole télévision SA e Reti Televisive Italiane SpA e Gestevisión Telecinco SA e Antena 3 de Televisión contro … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La spettanza di diritti di partecipazione al procedimento di adozione dell’atto rende il soggetto individualmente interessato, a prescindere dall’effettivo esercizio di tali diritti.

Sui presupposti della responsabilità dello Stato.

Sentenza della Corte del 5 marzo 1996, Brasserie du Pêcheur SA contro Bundesrepublik Deutschland e The Queen contro Secretary of State for Transport, ex parte: Factortame Ltd e altri, cause riunite C-46/93 e C-48/93. “51 Stando così le cose, un … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Sui presupposti della responsabilità dello Stato.

Una violazione del diritto comunitario dà luogo al diritto al risarcimento qualunque sia l’organo dello Stato che l’ha posta in essere.

Sentenza della Corte del 5 marzo 1996, Brasserie du Pêcheur SA contro Bundesrepublik Deutschland e The Queen contro Secretary of State for Transport, ex parte: Factortame Ltd e altri, cause riunite C-46/93 e C-48/93. “31 Sulla scorta di queste considerazioni … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Una violazione del diritto comunitario dà luogo al diritto al risarcimento qualunque sia l’organo dello Stato che l’ha posta in essere.

Il diritto al risarcimento sussiste anche quando la norma violata produce effetti diretti.

Sentenza della Corte del 5 marzo 1996, Brasserie du Pêcheur SA contro Bundesrepublik Deutschland e The Queen contro Secretary of State for Transport, ex parte: Factortame Ltd e altri, cause riunite C-46/93 e C-48/93. “20 Invero, secondo la giurisprudenza costante, … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il diritto al risarcimento sussiste anche quando la norma violata produce effetti diretti.

Un Tribunale, quando esercita funzioni di tipo amministrativo, non costituisce una giurisdizione ai fini del rinvio pregiudiziale.

Sentenza della Corte del 19 ottobre 1995, Job Centre Coop. Arl, causa c-111/94. “8 Ai sensi dell’art. 177 del Trattato, la Corte è competente a pronunciarsi, in via pregiudiziale, sull’interpretazione del Trattato stesso e degli atti compiuti dalle istituzioni della … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Un Tribunale, quando esercita funzioni di tipo amministrativo, non costituisce una giurisdizione ai fini del rinvio pregiudiziale.

La Corte ribadisce che una disposizione avente natura regolamentare può, senza perdere tale natura, riguardare individualmente un determinato soggetto.

18 maggio 1994 Sentenza della Corte del 18 maggio 1994, Causa C-309/89, Codorniu SA contro Consiglio dell’Unione europea. “17 Occorre ricordare che l’ art. 173, secondo comma, del Trattato assoggetta la proposizione di un ricorso d’ annullamento di un regolamento … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La Corte ribadisce che una disposizione avente natura regolamentare può, senza perdere tale natura, riguardare individualmente un determinato soggetto.

La Corte contempla una deroga alla limitazione degli effetti temporali della sentenza pregiudiziale di invalidità a favore dei soggetti che, anteriormente alla pronuncia della sentenza, hanno già intrapreso azioni a tutela dei propri diritti.

Sentenza della Corte del 26 aprile 1994, Roquette Freres SA contro Hauptzollamt Geldern, causa c-228/92. “24 Con tale questione il giudice nazionale intende sapere se un importatore che, come la ricorrente nella causa principale, abbia proposto reclamo amministrativo seguito da … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La Corte contempla una deroga alla limitazione degli effetti temporali della sentenza pregiudiziale di invalidità a favore dei soggetti che, anteriormente alla pronuncia della sentenza, hanno già intrapreso azioni a tutela dei propri diritti.

Il soggetto che, pur essendone legittimato, omette di impugnare un atto, non può, in seguito, contestarne la validità davanti ai giudici nazionali.

Sentenza della Corte del 9 marzo 1994, Twd Textilwerke Deggendorf Gmbh contro Bundesrepublik Deutschland, causa C-188/92. “15 Secondo una giurisprudenza consolidata, uno Stato membro non può fondatamente rimettere in discussione la validità di una decisione della quale è destinatario ai … Continua a leggere

Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il soggetto che, pur essendone legittimato, omette di impugnare un atto, non può, in seguito, contestarne la validità davanti ai giudici nazionali.

Qualsiasi atto atipico produttivo di effetti giuridici può essere impugnato.

Sentenza della Corte del 16 giugno 1993, Repubblica francese contro Commissione delle Comunità europee, causa c-325/91. “8 La Commissione chiede che il ricorso sia dichiarato irricevibile perché, al contrario di quanto afferma la ricorrente, l’atto impugnato non aggiungerebbe alcun obbligo … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Qualsiasi atto atipico produttivo di effetti giuridici può essere impugnato.

Nell’ordinanza di rinvio il giudice nazionale deve chiarire l’ambito di fatto e di diritto in cui si inseriscono le questioni sollevate.

Sentenza della Corte del 26 gennaio 1993, Telemarsicabruzzo spa e Telaltitalia srl e Telelazio spa contro Circostel, Ministero delle poste e telecomunicazioni e Ministero della difesa, cause riunite c-320/90, c-321/90 e c-322/90. “6 Si deve ricordare che l’esigenza di giungere … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Nell’ordinanza di rinvio il giudice nazionale deve chiarire l’ambito di fatto e di diritto in cui si inseriscono le questioni sollevate.

In linea di principio, la Corte è tenuta a statuire sulle questioni pregiudiziali di interpretazione sollevate dal giudice nazionale.

Sentenza della Corte del 16 luglio 1992, Manuel Jose Lourenco Dias contro Director da Alfandega do Porto, causa c-343/90. 14 Innanzitutto, emerge dalla costante giurisprudenza della Corte (v., in primo luogo, sentenza 1 dicembre 1965, causa 16/65, Schwarze, Racc. pag. … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su In linea di principio, la Corte è tenuta a statuire sulle questioni pregiudiziali di interpretazione sollevate dal giudice nazionale.

La Corte rifiuta di pronunciarsi in ordine a questioni ipotetiche.

Sentenza della Corte del 16 luglio 1992, Wienand Meilicke contro ADV/ORGA F. A. Meyer Ag, causa c-83/91. “25 Nondimeno, nella sentenza 16 dicembre 1981 (Foglia, causa 244/80, Racc. pag. 3045, punto 21 della motivazione), la Corte ha ritenuto che spetta … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La Corte rifiuta di pronunciarsi in ordine a questioni ipotetiche.

La Corte fa uso del potere di precisare gli effetti del regolamento annullato anche in relazione ad una direttiva.

Sentenza della Corte del 7 luglio 1992, Parlamento europeo contro Consiglio delle Comunità europee, causa C-295/90. “23 […]il puro e semplice annullamento della direttiva impugnata potrebbe pregiudicare l’esercizio di un diritto garantito dal Trattato, vale a dire il diritto di … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La Corte fa uso del potere di precisare gli effetti del regolamento annullato anche in relazione ad una direttiva.

Gli atti preparatori sono impugnabili qualora producano effetti vincolanti.

Sentenza della Corte del 30 giugno 1992, Repubblica italiana contro Commissione delle Comunità europee, causa C-47/91. “19 Per statuire sulla ricevibilità del ricorso, si deve in primo luogo ricordare che un atto può essere impugnato, ai sensi dell’ art. 173 … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Gli atti preparatori sono impugnabili qualora producano effetti vincolanti.

I criteri di calcolo del risarcimento.

Sentenza della Corte del 19 maggio 1992, J. M. Mulder e altri e Otto Heinemann contro Consiglio delle Comunità europee e Commissione delle Comunità europee, cause riunite c-104/89 e c-37/90. “26 Quanto all’entità del danno da risarcire da parte della … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su I criteri di calcolo del risarcimento.

La Corte afferma la responsabilità della Comunità per violazione del principio del legittimo affidamento.

Sentenza della Corte del 19 maggio 1992, J. M. Mulder e altri e Otto Heinemann contro Consiglio delle Comunità europee e Commissione delle Comunità europee, cause riunite c-104/89 e c-37/90. “a) Sull’elemento generatore della responsabilità 12 L’art. 215, secondo comma, … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La Corte afferma la responsabilità della Comunità per violazione del principio del legittimo affidamento.

Gli Stati membri sono tenuti a risarcire i danni causati ai singoli dalle violazioni del diritto comunitario ad essi imputabili.

Sentenza della Corte del 19 novembre 1991, Andrea Francovich e Danila Bonifaci e altri contro Repubblica italiana, cause riunite C-6/90 e C-9/90. “a) Sul principio della responsabilità dello Stato 31. Va innanzitutto ricordato che il Trattato CEE ha istituito un … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Gli Stati membri sono tenuti a risarcire i danni causati ai singoli dalle violazioni del diritto comunitario ad essi imputabili.

Sull’uso alternativo del rinvio pregiudiziale.

Sentenza della Corte del 18 giugno 1991, Asbl Piageme e altri contro Bvba Peeters, causa c-369/89. “4 […] Stando così le cose, il Rechtbank van koophandel di Lovanio ha sospeso il procedimento ed ha sottoposto alla Corte la seguente questione … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Sull’uso alternativo del rinvio pregiudiziale.

Il venir meno della violazione dopo la scadenza del termine fissato nel parere motivato non impedisce l’accertamento dell’infrazione.

Sentenza della Corte del 30 maggio 1991, Commissione delle Comunità europee contro Repubblica Federale di Germania, causa C-59/89. “1 Con atto introduttivo depositato presso la cancelleria della Corte il 28 febbraio 1989, la Commissione delle Comunità europee ha presentato un … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il venir meno della violazione dopo la scadenza del termine fissato nel parere motivato non impedisce l’accertamento dell’infrazione.

Una disposizione avente natura regolamentare può, senza perdere tale natura, riguardare individualmente un determinato soggetto.

16 maggio 1991 Sentenza della Corte del 16 maggio 1991, Causa C-358/89, Extramet Industrie SA contro Consiglio delle Comunità europee. “13 Per statuire in ordine alla fondatezza dell’ eccezione d’ irricevibilità sollevata dal Consiglio, è opportuno ricordare che, benché alla … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Una disposizione avente natura regolamentare può, senza perdere tale natura, riguardare individualmente un determinato soggetto.

La violazione, da parte dell’Istituzione procedente, dell’obbligo di considerare la situazione del ricorrente nel procedimento di formazione dell’atto lo rende individualmente interessato ai fini dell’impugnazione.

26 giugno 1990 Sentenza della Corte del 26 giugno 1990, causa C-152/88, Sofrimport sarl contro Commissione delle Comunita europee. “10 Per quanto riguarda la questione se la ricorrente sia individualmente riguardata si deve valutare se gli atti controversi la tocchino … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La violazione, da parte dell’Istituzione procedente, dell’obbligo di considerare la situazione del ricorrente nel procedimento di formazione dell’atto lo rende individualmente interessato ai fini dell’impugnazione.

La Corte afferma la legittimazione del Parlamento a ricorrere contro atti lesivi delle sue prerogative.

Sentenza del 22 maggio 1990, Parlamento europeo c. Consiglio delle Comunità europee, causa 70/88. “22 Il rispetto dell’equilibrio istituzionale comporta che ogni istituzione eserciti le proprie competenze nel rispetto di quelle delle altre istituzioni. Esso impone altresì che possa essere … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La Corte afferma la legittimazione del Parlamento a ricorrere contro atti lesivi delle sue prerogative.

L’omessa apertura del procedimento di infrazione non può essere censurata mediante ricorso in carenza.

Sentenza della Corte del 14 febbraio 1989, Star Fruit Company S.A. contro Commissione delle Comunità europee, causa 247/87. “10 In quanto fondato sull’art. 175, 3° comma, del trattato, il ricorso mira a far dichiarare che, non instaurando nei confronti della … Continua a leggere

Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L’omessa apertura del procedimento di infrazione non può essere censurata mediante ricorso in carenza.

La dichiarazione di invalidità di un atto comunitario è prerogativa della Corte.

Sentenza della Corte del 22 ottobre 1987, Foto-Frost contro Hauptzollamt Luebeck-ost, causa 314/85. “13 Attribuendo ai giudici nazionali, avverso le cui decisioni possa proporsi un ricorso giurisdizionale di diritto interno, la facoltà di porre alla Corte questioni pregiudiziali d’interpretazione o … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La dichiarazione di invalidità di un atto comunitario è prerogativa della Corte.

La Corte estende il novero degli atti impugnabili: il ricorso può essere esperito anche contro gli atti del Parlamento destinati a produrre effetti giuridici nei confronti di terzi.

Sentenza della Corte del 23 aprile 1986, Parti écologiste “Les verts” contro Parlamento europeo, causa 294/83. 23 […]si deve anzitutto sottolineare che la Comunità economica europea è una Comunità di diritto nel senso che né gli Stati che ne fanno … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La Corte estende il novero degli atti impugnabili: il ricorso può essere esperito anche contro gli atti del Parlamento destinati a produrre effetti giuridici nei confronti di terzi.

Il previo esperimento di azioni interne non è richiesto se i rimedi nazionali non offrono una tutela analoga a quella offerta dal ricorso diretto.

Sentenza della Corte del 26 febbraio 1986, Firma Krohn und co. Import – Export (Gmbh und co, Kg) contro Commissione delle Comunità europee, causa 175/84. “Sul secondo motivo di improcedibilità 24 La Commissione ritiene che, secondo la giurisprudenza della Corte, … Continua a leggere

Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il previo esperimento di azioni interne non è richiesto se i rimedi nazionali non offrono una tutela analoga a quella offerta dal ricorso diretto.