Archivi del giorno: 8 Marzo 2011

Sull’interpretazione di accordi misti: la Corte afferma la propria competenza a pronunciarsi sull’efficacia diretta dell’art. 9, n. 3 della Convenzione di Aarhus.

Sentenza della Corte (grande sezione), 8 marzo 2011, Lesoochranárske zoskupenie VLK contro Ministerstvo životného prostredia Slovenskej republiky, C-240/09 “33 […] qualora si constatasse che l’Unione ha esercitato le sue competenze e legiferato nel settore cui si riferisce l’art. 9, n. … Continua a leggere

Contrassegnato | Commenti disabilitati su Sull’interpretazione di accordi misti: la Corte afferma la propria competenza a pronunciarsi sull’efficacia diretta dell’art. 9, n. 3 della Convenzione di Aarhus.

La creazione di un Tribunale dei brevetti europeo e comunitario è incompatibile con i Trattati.

Parere 1/09 della Corte. “1. La domanda di parere proposta alla Corte dal Consiglio dell’Unione europea è del seguente tenore: «Il previsto accordo relativo alla creazione di un sistema unico di risoluzione delle controversie in materia di brevetti (attualmente denominato … Continua a leggere

Contrassegnato | Commenti disabilitati su La creazione di un Tribunale dei brevetti europeo e comunitario è incompatibile con i Trattati.

Le norme sulla cittadinanza dell’Unione ostano a che uno Stato membro neghi ad un cittadino di uno Stato terzo, che si faccia carico dei propri figli, cittadini dell’Unione, il diritto di soggiornare e lavorare nello Stato membro in cui questi risiedono e del quale siano cittadini.

Sentenza della Corte (Grande Sezione) del 8 marzo 2011, Ruiz Zambrano c. Office national de l’emploi (ONEm), C 34/09. “37 Tutti i governi che hanno presentato osservazioni alla Corte, nonché la Commissione europea, affermano che una situazione quale quella in … Continua a leggere

Pubblicato in EULaw | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Le norme sulla cittadinanza dell’Unione ostano a che uno Stato membro neghi ad un cittadino di uno Stato terzo, che si faccia carico dei propri figli, cittadini dell’Unione, il diritto di soggiornare e lavorare nello Stato membro in cui questi risiedono e del quale siano cittadini.