Limitazioni al beneficio di un indennizzo (Fondo di garanzia delle vittime degli atti di terrorismo e di altri illeciti) e cittadinanza.

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 5 giugno 2008 C?164/07
James Wood contro Fonds de garantie des victimes des actes de terrorisme et d’autres infractions

La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull’interpretazione dell’art. 12, primo comma, CE. Tale domanda è stata presentata nell’ambito di una controversia pendente tra il sig. Wood, cittadino del Regno Unito, ed il Fonds de garantie des victimes des actes de terrorisme et d’autres infractions (Fondo di garanzia delle vittime degli atti di terrorismo e di altri illeciti; in prosieguo: il «Fondo di garanzia»), avente ad oggetto il rifiuto da parte di quest’ultimo di concedere al sig. Wood, a motivo della sua cittadinanza, il beneficio di un indennizzo volto a risarcire il danno causato da un reato commesso al di fuori del territorio francese.

Il diritto comunitario osta alla normativa di uno Stato membro la quale escluda i cittadini degli altri Stati membri, che risiedono e lavorano nel suo territorio, dal beneficio di un indennizzo finalizzato a risarcire i danni derivanti da offese alla persona causate da un illecito commesso fuori del territorio di questo medesimo Stato, esclusivamente a motivo della loro cittadinanza.

Questa voce è stata pubblicata in EULaw e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.