Il titolare di un’autorizzazione generale non è tenuto al pagamento di un canone.

Corte di giustizia 21 febbraio 2008, C-296/06, Telecom Italia SpA e Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ministero delle Comunicazioni.

Gli artt. 6, 11, 22 e 25 della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 10 aprile 1997, 97/13/CE, relativa ad una disciplina comune in materia di autorizzazioni generali e di licenze individuali nel settore dei servizi di telecomunicazione, ostano a che uno Stato membro esiga da un operatore, già titolare di un diritto esclusivo sui servizi di telecomunicazioni pubbliche, divenuto titolare di un’autorizzazione generale, il pagamento di un onere pecuniario come il canone di cui trattasi nella causa principale, corrispondente all’importo precedentemente previsto come corrispettivo per il detto diritto esclusivo, per il periodo di un anno a decorrere dalla data ultima prevista per la trasposizione di detta direttiva nel diritto nazionale, cioè fino al 31 dicembre 1998.

Questa voce è stata pubblicata in EULaw e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.