Archivi del mese: settembre 2006

Non è necessaria una preventiva verifica delle capacità linguistica di un avvocato che intenda esercitare la propria attività in uno Stato membro.

Sentenze della Corte di giustizia nelle cause C-506/04, C-193/05 Wilson 19 settembre 2006 L’art. 9 della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 16 febbraio 1998, 98/5/CE, volta a facilitare l’esercizio permanente della professione di avvocato in uno Stato membro … Continua a leggere

Pubblicato in EULaw | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Non è necessaria una preventiva verifica delle capacità linguistica di un avvocato che intenda esercitare la propria attività in uno Stato membro.

L’applicazione, a titolo di licenze individuali, di un diritto calcolato in funzione delle spese amministrative generali dell’autorità di regolamentazione per la concessione delle licenze su un periodo di trent’anni è contrario al diritto comunitario delle comunicazioni elettroniche.

Corte di giustizia (Grande Sezione) 19 settembre 2006, Cause riunione i-21 Germany GmbH (C-392/04), Arcor AG & Co. KG (C-422/04), già ISIS Multimedia Net GmbH & Co. KG, contro Bundesrepublik Deutschland, 1)      L’art. 11, n. 1, della direttiva del Parlamento … Continua a leggere

Contrassegnato | Commenti disabilitati su L’applicazione, a titolo di licenze individuali, di un diritto calcolato in funzione delle spese amministrative generali dell’autorità di regolamentazione per la concessione delle licenze su un periodo di trent’anni è contrario al diritto comunitario delle comunicazioni elettroniche.

La disciplina sul mandato di arresto europeo non viola il principio di eguaglianza e di legalità in materia penale.

Conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-303/05 Advocaten voor de Wereld 3. L’art. 2, n. 2, della decisione quadro ed il principio di legalità in materia penale 100. Tale principio, espresso con il detto latino (94) «nullum crimen, nulla poena sine … Continua a leggere

Pubblicato in EULaw | Contrassegnato | Commenti disabilitati su La disciplina sul mandato di arresto europeo non viola il principio di eguaglianza e di legalità in materia penale.

I cittadini di uno Stato membro che hanno la residenza o il domicilio in un territorio facente parte dei paesi e territori d’oltremare, di cui all’art. 299, n. 3, CE, possono far valere i diritti riconosciuti ai cittadini dell’Unione nella seconda parte del Trattato CE.

Sentenze della Corte di giustizia C-300/04, M.G. Eman e O.B. Sevinger contro College van burgemeester en wethouders van Den Haag I cittadini di uno Stato membro che hanno la residenza o il domicilio in un territorio facente parte dei paesi … Continua a leggere

Pubblicato in EULaw | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su I cittadini di uno Stato membro che hanno la residenza o il domicilio in un territorio facente parte dei paesi e territori d’oltremare, di cui all’art. 299, n. 3, CE, possono far valere i diritti riconosciuti ai cittadini dell’Unione nella seconda parte del Trattato CE.

Il caso Matthews davanti alla Corte di giustizia. Un raro caso di procedura ex art. 227 CE.

Corte di giustizia 12 settembre 2006 C-145/04 90 Come è stato ricordato al punto 60 della presente sentenza, il Regno Unito ha adottato la normativa contestata dal Regno di Spagna per conformarsi alla citata sentenza della Corte europea dei diritti … Continua a leggere

Pubblicato in EULaw | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il caso Matthews davanti alla Corte di giustizia. Un raro caso di procedura ex art. 227 CE.