Accordo di partenariato Comunità-Russia. Limitazione del numero di giocatori professionisti cittadini di Stati terzi che possono essere schierati in una squadra di calcio in una competizione nazionale

Sentenza C-265/03
12 aprile 2005 Igor Simutenkov c. Ministerio de Educación y Cultura, Real Federación Española de Fútbol,

“L’art. 23, n. 1, dell’accordo di partenariato e di cooperazione che istituisce un partenariato tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Federazione russa, dall’altra, sottoscritto a Corfù il 24 giugno 1994 e approvato a nome delle Comunità con decisione del Consiglio e della Commissione 30 ottobre 1997, 97/800/CECA, CE, Euratom, dev’essere interpretato nel senso che osta all’applicazione ad un atleta professionista di cittadinanza russa, regolarmente impiegato da una società con sede in uno Stato membro, di una norma dettata da una federazione sportiva dello stesso Stato ai sensi della quale le società sono autorizzate a schierare in campo, nelle competizioni organizzate su scala nazionale, solo un numero limitato di giocatori originari di Stati terzi che non sono parti all’accordo sullo Spazio economico europeo.”

Questa voce è stata pubblicata in EULaw e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento